Consumare Latte riduce il rischio di diabete, anche per gli Intolleranti: Lo studio

Anche coloro affetti da intolleranza al lattosio dovrebbero considerare l’opportunità di consumare una modesta quantità di latte e latticini.

Questi prodotti, secondo un ampio studio recentemente pubblicato su Nature Metabolism, hanno dimostrato di poter influenzare positivamente la composizione del microbiota intestinale e ridurre il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, una delle patologie metaboliche più diffuse e in costante aumento.

Intolleranza al lattosio e diabete: Lo studio

Lo studio, condotto su oltre 12.000 individui per circa sei anni, ha rivelato che l’introduzione di una tazza di latte al giorno nella dieta, una quantità di lattosio che la maggior parte degli intolleranti può tollerare senza manifestare sintomi, potrebbe ridurre del 30% il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2.

Tuttavia, tale effetto non è stato altrettanto evidente nei soggetti privi della modifica genetica associata al deficit di lattasi, l’enzima che digerisce il lattosio e che è carente negli intolleranti. In effetti, nei soggetti intolleranti, l’effetto dei latticini sembra essere ancora più significativo rispetto a coloro che possono digerire il latte.

L’aggiunta di latte alla dieta porta a cambiamenti nella composizione del microbiota intestinale, con un aumento dei batteri del genere Bifidobacterium e una diminuzione di quelli del genere Prevotella. Queste modifiche influenzano la quantità e la qualità dei metaboliti circolanti, riducendo così il rischio di sviluppare la malattia metabolica.

Latte e Diabete

I dati confermano l’importanza dei latticini nella prevenzione del diabete di tipo 2, persino nei soggetti intolleranti al lattosio, come indicato anche da una recente revisione italiana sugli studi relativi all’argomento.

I latticini contengono nutrienti che influenzano positivamente il metabolismo del glucosio, proteggendo dall’insorgenza di resistenza all’insulina, che rappresenta il primo passo verso la malattia.

Quasi tutti gli intolleranti al lattosio possono tollerare una tazza di latte senza manifestare sintomi, e ognuno può individuare la dose adeguata per sé. In alternativa, possono optare per prodotti come lo yogurt, più facilmente tollerato grazie ai fermenti lattici, o formaggi a basso contenuto di lattosio.

È importante non escludere completamente latte e latticini dalla propria dieta, a meno che non vi sia una necessità assoluta: pochissimi intolleranti devono rinunciare ai benefici anti-diabete del latte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *