Il Cambiamento Climatico minaccia di Ridurre l’aspettativa di vita di 6 Mesi

Il riscaldamento globale, in quanto fenomeno derivante dal cambiamento climatico, potrebbe sottrarre fino a sei mesi di vita, impattando in modo significativo soprattutto sulle donne e sugli abitanti delle nazioni in via di sviluppo.

Lo studio

Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Plos Climate condotto da Amit Roy, docente di economia e politiche pubbliche presso la New School For Social Research di New York.

L’incremento delle temperature e le precipitazioni anomale associate al cambiamento climatico possono avere impatti sulla salute pubblica in varie forme, sia direttamente attraverso fenomeni come ondate di calore e inondazioni, sia indirettamente, aumentando il rischio di malattie respiratorie e mentali.

Mentre tali conseguenze sono evidenti e documentate, mancano ancora studi che confermino in modo inequivocabile il legame diretto tra cambiamento climatico e aspettativa di vita.

Per colmare questa lacuna, Amit Roy ha analizzato i dati provenienti da 191 Paesi nel periodo compreso tra il 1940 e il 2020. Ha valutato, in particolare, le temperature medie, le precipitazioni e l’aspettativa di vita, integrando il valore del prodotto interno lordo pro capite per considerare le differenze tra i Paesi.

Oltre a esaminare l’impatto delle temperature e delle precipitazioni, lo studioso ha sviluppato un indice composito che combina entrambe le variabili per rappresentare la gravità del cambiamento climatico.

I risultati indicano che un aumento di un grado della temperatura globale è associato a una riduzione dell’aspettativa di vita di cinque mesi e una settimana.

Un incremento di dieci punti dell’indice composito, che riflette il cambiamento climatico considerando sia le temperature che le precipitazioni, è correlato a una diminuzione di sei mesi dell’aspettativa di vita. Le categorie più vulnerabili risultano essere le donne e gli abitanti dei Paesi in via di sviluppo.

Amit Roy sottolinea l’urgente necessità di affrontare il cambiamento climatico come una crisi di salute pubblica, evidenziando che sforzi di mitigazione per ridurre le emissioni di gas serra e azioni preventive sono essenziali per preservare l’aspettativa di vita e tutelare la salute delle popolazioni globali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *